Il Futuro del Vino Siciliano: Sostenibilità e Innovazione al Pollina Resort

La Terza Giornata di Campagna ha visto un incontro di grande rilevanza per il mondo vitivinicolo siciliano presso il suggestivo Pollina Resort. Promossa dal Consorzio di Tutela Vini DOC Sicilia, questa giornata ha messo in luce il futuro sostenibile del vino attraverso il progetto Bi.Vi.Si., che valorizza la biodiversità viticola dell’isola.

Un Progetto per la Biodiversità

Il progetto Bi.Vi.Si. si concentra su 15 biotipi di vitigni autoctoni e “reliquia”, tra cui Nero d’Avola, Perricone, Lucido, Grillo, Vitrarolo, Nocera e Lucignola. Queste varietà sono state oggetto di sperimentazione e degustazione durante l’evento, offrendo un’opportunità unica di riflessione e valutazione enologica delle uve e dei vini della vendemmia 2023.

Un Incontro tra Esperti

La giornata ha preso il via alle 10:00 con una serie di approfondimenti rivolti a istituzioni, imprenditori, tecnici del settore e giornalisti. Figure di spicco come Antonio Rallo, Presidente del Consorzio di Tutela Vini DOC Sicilia, Rosario Di Lorenzo, Presidente dell’Accademia Italiana della Vite e del Vino, Onofrio Corona, docente del dipartimento SAAF dell’Università di Palermo, e la dott.ssa Clara Vitaggio, dottoranda in enologia, hanno evidenziato le potenzialità del progetto Bi.Vi.Si. avviato nel 2022.

La Sicilia: Laboratorio a Cielo Aperto

In un mondo in cambiamento, la Sicilia si presenta come un laboratorio a cielo aperto dove le varietà reliquia rappresentano veri e propri gioielli da custodire e valorizzare. I bianchi e i rossi, protagonisti della degustazione finale, hanno mostrato caratteristiche di piacevolezza, freschezza e identità uniche, provenienti da campi sperimentali situati in diverse località dell’isola, come Contessa Entellina, Sclafani Bagni, Milazzo e Vittoria.

Sinergia tra Pubblico e Privato

L’evento ha sottolineato l’importanza di una sinergia virtuosa tra pubblico e privato per qualificare il comparto vinicolo e affrontare le sfide future. “Non possiamo parlare di contemporaneità ignorando l’eredità del passato – ha dichiarato Antonio Rallo –. Questi momenti di scambio e condivisione con enologi e agronomi sono fondamentali per dare nuova consapevolezza al nostro tessuto produttivo, competitività e ottimismo per il futuro”.

Un Impegno per il Futuro

La Terza Giornata di Campagna rinnova l’impegno verso la sostenibilità e l’innovazione, con la speranza di lasciare un segno indelebile nella viticoltura siciliana. L’incontro, moderato dall’enologo Giuditta Raccuglia, ha anche presentato i risvolti scientifici di altri due progetti regionali di ricerca: Vista Lucido e Germoplasma.

L’appuntamento del 6 luglio si è svolto all’interno del 29° Enosimposio di Assoenologi Sicilia, una tre giorni dedicata al mondo enologico tra storia e futuro, che ha visto la partecipazione di istituzioni, imprenditori, esperti di mercato e di comunicazione. Un evento che ha rafforzato la convinzione che il futuro del vino siciliano sarà all’insegna della sostenibilità e dell’innovazione.

Share this post

Facebook

ULTIME NOVITA'
DA INSTAGRAM